Il Muschio stabilizzato: cos’è e come si ottiene.

IL MUSCHIO STABILIZZATO

Tutti, chi più chi meno, trascorriamo una vita frenetica e caotica, mantenere una connessione con la natura è oggi divenuto di primaria importanza.

Grazie al verde verticale e al muschio stabilizzato riusciamo ad avere la natura nelle nostre case . Il processo di stabilizzazione delle piante consiste proprio in questo: garantire la vita delle stesse in interni senza la necessità di ricorrere ad eccessiva manutenzione ed aggiungendo un tocco di green alle nostre abitazioni, uffici o negozi.

DA DOVE VIENE IL NOSTRO MUSCHIO

Il muschio che utilizziamo nelle nostre creazioni verdi arriva direttamente della splendida isola di Hailouto in Finlandia, in prossimità del Circolo Polare Artico. L’isola si caratterizza per una natura unica, ricca ed incontaminata.

Come si trova in natura il muschio nelle foreste Finlandesi

Prima di tutto è necessario raccogliere il muschio, ciò avviene a mano, utilizzando cassette di legno. Dopo il raccolto e nel pieno rispetto dell’ambiente circostante , si dà sempre modo alla foresta di rigenerare il muschio tra un prelievo e l’altro, utilizzando la stessa area di raccolta ad intervalli di 5-10 anni.

Ogni fase della lavorazione è artigianale; il muschio, una volta raccolto, viene trattato e colorato con pigmentazioni naturali e poi utilizzato per realizzare muschio sfuso oppure i prodotti di interior design.

 

COS’E’ LA STABILIZZAZIONE

Il muschio stabilizzato è naturale ed ecologico, ed è il risultato di un processo finalizzato a preservare lo stato vegetale della pianta sostituendo la linfa con un mix di acqua e glicerina.

Il muschio ottenuto da tale processo mantiene le sue caratteristiche di colorazione e morbidezza, in condizioni ideali, per circa 10 anni e non necessità di acqua, terra e luce.

Il processo di stabilizzazione

Il muschio viene raccolto nel momento migliore del loro ciclo di vita quando presentano l’aspetto ottimale, una volta selezionato viene iniziato il processo di stabilizzazione. Si ricrea il perfetto clima per la crescita del muschio, equilibrando umidità, calore e luce e il muschio viene riposto in grandi vasche a bagno in una miscela liquida a base di glicerina, acqua e colorante alimentare per ottenere una delle 16 colorazioni disponibili. Durante questo processo, che dura alcuni giorni, la linfa della pianta evapora e viene sostituita da questa nuova miscela.

Per finire, il muschio viene sciacquato e posto ad asciugare in una camera apposita.

Il muschio una volta subito il processo di stabilizzazione

Vantaggi della stabilizzazione

Il muschio stabilizzato si adatta perfettamente a tutti i tipi di ambienti interni non necessitando di alcuna manutenzione, non subisce le aggressione climatiche tipiche dei posti chiusi come mancanza di luce, choc climatico dovuto al caldo in inverno e all’aria condizionata d’estate, ecc… è quindi possibile mantenere una vegetazione di qualità durante tutto l’anno in un ambiente chiuso.

Istruzioni e consigli

I vegetali stabilizzati sono interamente naturali.
Ecco alcune precauzioni per assicurare une freschezza e una durata di vita ottimale:

  • Non esporre direttamente ai raggi del sole dietro ad un vetro per un periodo prolungato
  • Non posizionare a contatto con termoconvettori o sistemi riscaldanti
  • Non irrigare, vaporizzare o pulire con acqua
  • Utilizzare unicamente in ambienti interni
  • Mantenere un tasso igrometrico non superiore al 70%
  • Il leggero sentore di sottobosco, sopratutto nella fase iniziale è un fenomeno normale, fisiologico dei vegetali veri.
  • E’ da considerarsi normale una lieve differenza di tonalità nel tempo.

Alcune caratteristiche del muschio stabilizzato

Al contrario delle piante artificiali le piante stabilizzate non sono statiche, la polvere quindi non aderisce.
Rappresenta un ambiente ostile per gli insetti, è fonoassorbente ed è certificato per resistere al fuoco (annerisce ma non produce fiamma).

Alcune possibli applicazioni di muschio stabilizzato

By | 2017-01-17T14:14:02+00:00 gennaio 17th, 2017|Senza categoria|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento

CAPTCHA